domenica 30 maggio 2010

Appunti di viaggio: Palazzo Te a Mantova di Giulio Romano




dal tacquino di viaggio di L. Bocca
1) Quando ci si pone davanti alla facciata di Palazzo Te, non si sa bene se il piano terreno ed il mezzanino formino una unità, quindi una unica struttura verticale o se si stratti di due piani distinti
2) Nella facciata sul cortile interno si accentua l’effetto del piano unico
3) Intevengono numerosi fattori ad esasperare il senso di incertezza e di inquietudine
4) gli intervalli tra le colonne in facciata non sono uguali
5) il bugnato qua e la viene interrotto arbitrariamente per suscitare l’impressione dell’improvvisato e del non finito
6) nella trabeazione un triglifo su tre si prolunga fino a pendere tra le colonne, scavalcando l’architrave. Si ha l’impressione che qualcosa sia andato fuori posto
7) il fronte e l’ingresso principale forma un angolo di 90 gradi con l’asse del fronte verso il giardino
8) nel cortile interno il timpano triangolare delle finestre ha le parti superiori che non si toccano al vertice
9) all’interno, tra il Salone dei Cavalli e la Camera delle Aquile viene proposto per tre volte l’asse virtuale porta/camino
10) L’introduzione alla Sala dei Giganti è data da una “infilata” di tre porte consecutive.

“Il manierismo è radicalmente ARTE. Trasforma tutto quello che è naturale in artificiale. Tutto quanto è genuino, spontaneo, immediato e voce della natura viene distrutto e trasformato in prodotto artistico, ormai estraneo alla natura. L’Architettura, tra le arti visive la più lontana dalla natura e dalla imitazione, con il Manierismo aumenta il proprio carattere astratto ed il distacco dalla natura” Arnold Hauser

I detrattori di Giulio Romano

“Spaventevole e terribile la scena dei Giganti” Vasari, 1557
“Il Lutero dell’Arte” Beaufort, 1839
“Angoscia, forma disturbata, forma non compiuta, catastrofe della forma, disarmonia portata fino all’incubo” Gombrich, 1934
“Vera negazione dell’armonia raffaellesca” Paccagnini. 1957
“Artigiano e mediocre architetto” Bonelli, 1960

Nessun commento:

Posta un commento