venerdì 9 aprile 2010

Costruiamo una cucina solare ultraeconomica

la cucina solare impacchettata ha un ingombro limitato di 25 cm x 50 cm
il retro della cucina solare formata da due pannelli in cartone di 50 cm x 70 cm
sul fronte è applicata una pellicola di alluminio per alimenti
i due pannelli in cartone sono fissati con elementi in cartone passanti da asole
il modello "pronto all'uso"
manca solo una pentola, cibi da potere cuocere e...un po di sole

Cos'è una cucina solare? Una cucina solare permette di cucinare gli alimenti grazie alla sola energia del sole. Da sempre l'uomo ha cucinato grazie al legno ed alla energia fossile e questo ha richiesto sempre molta attenzione per verificare che gli alimenti non bruciassero. Una cucina solare, al contrario, può fare guadagnare tempo, soldi ed energia, senza alcun rischio per l'ambiente. La cottura è più lenta, diversa certamente da quella tradizionale, ma cucinare lentamente preserva il gusto, i nutrimenti e rende le pietanze più appetitose. Recenti studi hanno rilevato che i piatti cotti a temperatura moderata sono più sani. Quando si cucina con il sole, bisogna aggiungere approssimativamente un ora all'abituale tempo di cottura. In realtà però una cucina solare richiede soltanto due brevi momenti di attenzione: uno per mettere gli alimenti nella pentola, l'altro per ritirarli a cottura avvenuta!

La cucina solare permete di guadagnare tempo e denaro per questi motivi:
• la luce del sole è gratuita
• i piatti possono essere cucinati mentre ci stiamo occupando di altre cose perchè non sono necessarie particolari attenzioni durante la cottura
• le pentole sono facilmente pulibili dopo la cottura dei cibi
• una cucina solare è facile da costruirsi

La cucina solare è sicura, pratica, sana
• non causa alcun rischio di incendio
• non causa alcun fumo dovuto alla combustione
• i cibi sono cotti ad una temperatura che varia da 80°C a 120°C (dipende dalla tipologia della cucina), ideale per preservare i nutrimenti, il sapore ed il gusto degli alimenti, evitando che brucino. Le cucine a legna o a gas, al contrario, arrivano ad una temperatura di oltre 260°C.
• si possono cuocere, bollire, friggere (leggermente) gli alimenti senza l'aggiunta di acqua.
• è possibile la pastorizzazione dell'acqua

La cucina solare è facile da realizzare:
• si può realizzare con diversi materiali e tecniche e si può adattare ai diversi climi e modi di cucinare

La cucina solare permette di salvare molte vite nelle regioni povere di energia ma ricche di sole:
• contribuisce a ridurre due dei maggiori problemi nei paesi poveri: l'aggravarsi della mancanza di risorse energetiche per cucinare e il diffondersi di malattie infettive legate alla assenza di acqua potabile. Secondo l'ONU, due terzi della popolazione mondiale soffre la mancanza della legna per cucinare. Le donne, e talvolta anche i bambini, sono costretti a cercare la legna sempre più lontano dalle loro case. Molte famiglie spendono dal 30% al 50% del loro reddito nella energia occorrente per potere cucinare, oppure scambiano una parte del loro reddito in legname. Grazie alla cucina solare molte famiglie possono ridurre la quantità di legname per la cottura dei cibi.

La cucina solare permette di preservare le foreste e le ricchezze della terra:
• nelle zone minacciate dalla deforestazione, ogni sforzo di protezione fallisce quando le persone non hanno alternativa all'utilizzo del legname per cucinare. Ogni cucina solare può salvare una tonellata di legname all'anno.

La cucina solare aiuta a migliorare la qualità dell'aria:
• l'utilizzo di energia tradizionale come legna o gas contribuisce al surriscaldamento del pianeta. La cucina solare offre una alternativa all'utilizzo della energia fossile

Sono principalmente tre i diversi tipi di cucine solari:
Cucina a scatola o forno solare (box cooker). E' il tipo più utilizzato nelle famiglie in India. Ha il vantaggio di cuocere sempre e lentamente una grossa quantità di cibo.
Cucina a parabola (parabolic cooker). E' formata da specchi concavi che formano una parabola e concentrano la luce solare sul fondo della pentola. Il vantaggio è che il cibo cuoce circa nello stesso tempo rispetto ad un forno normale. E' complicata da costruire e va spesso riposizionata per la giusta messa a fuoco rispetto all'inclinazione solare. Può causare ustioni o danni agli occhi. Ha bisogno quindi di numerose precauzioni per la sicurezza. Questo tipo di cucina è molto utilizzato nella Cina Occidentale. (in un post precedente ho presentato in un video questo tipo di cucina).
Cucina a pannelli (panel cooker). E' formata da alcuni pannelli riflettenti che concentrano i raggi del sole su di una pentola contenuta in un sacchetto di plastica trasparente resistente alle alte temperature. Il vantaggio di questa cucina è che può essere costruita in pochissimo tempo, con materiali "poveri" e con una spesa ridicola. Durante la cottura non richiede una particolare attenzione e non deve essere continuamente allineata ai raggi del sole come nella cucina a parabola. Le temperature raggiunte sono regolari e i pannelli riflettono i raggi solari senza causare danni agli occhi. Può essere facilmente ripiegata a pacco e quindi facilmente trasportabile.

Funzionamento della cucina solare
La sola energia utilizzata è quella solare. Deve quindi essere posizionata al'esterno in una zona soleggiata e protetta dai venti. la cucina solare non funziona la notte o nei giorni coperti o troppo ventosi. Superfici più scure assorbono meglio la luce rispetto a superfici chiare: per questo gli alimenti cuociono meglio in recipienti di metallo nero, poco profondi, chiusi da coperchi adatti a mantenere il calore e l'umidità. Il recipiente deve essere chiuso all'interno di un "recuperatore di calore" trasparente che lascia passare i raggi del sole e trattiene il calore attraveso l'effetto serra. Per la cucina a pannelli, si tratta di un sacchetto in plastica trasparente resistente al calore.

Quanto tempo può durare la cottura dei cibi?
Numerosi fattori influiscono sulla durata della cottura dei cibi: il periodo dell'anno, il momento della giornata, il grado di insolazione e quindi l'intensità del sole, la forza del vento, il tipo di recipiente utilizzato, la quantità ed il "taglio" del cibo, la quantità di acqua presente nel recipiente. Una semplice cucina solare del tipo a pannelli, utilizza, con condizioni favorevoli, raggiunge temperature che variano da 80°C a 120°C. Gli alimenti cominciano a cuocere tra 82°C e 91°C; temperature sufficienti e per evitare che il cibo bruci o che perda le sostanze nutritive.
Ecco approssimativamente i tempi di cottura per due kili di cibo:
Da una a due ore: uova, riso, frutta, legumi, pesce, pollo
Da tre a quattro ore: patate, radici, fagioli, carne, pane
Da cinque a otto ore: zuppe, ragu, arrosto

Utilizzazione alternativa della cucina solare
La pastorizzazione dell'acqua
In tutto il mondo, l'acqua impura e' il maggior problema sanitario. Più di un miliardo di persone non ha accesso all'acqua potabile. Le malattie dovute all'acqua non potabile sono responsabili circa dell'80% dei problemi sanitari nei paesi sottosviluppati. I batteri presenti nell'acqua possono essere uccisi attraverso l'esposizione al calore del sole secondo un processo chiamato pastorizzazione. L'acqua riscaldata a 65°C per soli 20 minuti uccide tutti i germi patogeni. In tal modo non deve essere impiegata tutta l'energia che sarebbe stata necessaria per fare bollire l'acqua, cioè portarla ad una temperatura di 100°C. I bambini sono i più colpiti con due milioni di morti all'anno: tra le malattie contratte dall'uso dell'acqua non potabile, il colera e la dissenteria.
Semplici cucine solari a pannelli possono pastorizzare l'acqua per una famiglia al ritmo di un litro all'ora. Esistono indicatori di pastorizzazione utilizzabili per determinare in quale momento la pastorizzazione è effettuata.
La cucina solare che ho realizzato è stata ideata e sperimentata da Teong H. Tan nel 2008 (www.freewebs.com/sunnycooker). E' un tipo di cucina a pannelli, facile da costruirsi, ultraeconomica, formata da due cartoni da 50 cm x 70 cm, dotata di piegature che la rendono impacchettabile e facilmente trasportabile.
Ora tocca ai miei studenti realizzare le loro cucine solari in previsione di un grande "pranzo solare".

4 commenti:

  1. Bellissima idea prof! Non vedo l'ora di iniziare a costruirla...
    Sara Mek 3D

    RispondiElimina
  2. MI PIACE TANTISSIMO!!!!! CE LA FA COSTRUIRE ANCHE A NOI??? BY ALICE G. 1C

    RispondiElimina
  3. bella prof! la faccia fare anche a noi di 1c... alunna di 1c

    RispondiElimina
  4. gentile professore,sono uno studente di architettura. la ringrazio per il lavoro che svolge con i ragazzi per sensibilizzarli a tematiche importanti quali il risparmio energetico o l'invenzione e la propagazione di mezzi alternativi quali i suoi splendidi forni.
    continute così!

    RispondiElimina